Proteggere il fegato, a tavola e non solo.

Il fegato ha un ruolo cruciale per il nostro benessere. Ecco come proteggerlo grazie a una sana alimentazione e ad estratti naturali specifici: tra cui il carciofo.

Nell’immaginario collettivo, il fegato rappresenta l’organo deputato soltanto all’eliminazione delle tossine e delle scorie che si accumulano nell’organismo, derivate dall’alimentazione o dall’assunzione di farmaci o da abitudini sbagliate come il fumo e l’eccesso di alcol. Non è così: il fegato fa molto di più.

Ad esempio, contribuisce al metabolismo di grassi e zuccheri, aiuta a mantenere sotto controllo il colesterolo, immagazzina carboidrati, vitamine e minerali, quando questi risultano in eccesso nel sangue, favorisce la produzione di alcune proteine. Poiché svolge tutte queste funzioni essenziali per il mantenimento del benessere, è fondamentale non appesantire il lavoro del fegato con comportamenti scorretti, facendo invece attenzione a condurre e mantenere uno stile di vita il più sano possibile.

Il fegato sott’occhio

Dove è posizionato il fegato nel nostro corpo? Nel lato destro della cavità addominale, al di sotto del diaframma. Quanto pesa? Parecchio, fin dalla nascita quando la sua mole rappresenta il 50% della totalità del peso del neonato, mentre in età adulta – con i suoi 1500 grammi circa – corrisponde a circa il 2,5% del nostro peso. Che cosa fa? Secerne prevalentemente bile, un liquido giallo-verdastro che svolge importanti funzioni per l’organismo: ad esempio, emulsiona i grassi, facilitando la digestione, e stimola i movimenti intestinali.

Cosa mette k.o. il fegato

L’attività epatica può essere compromessa soprattutto da stili di vita scorretti: in primo luogo l’abitudine al fumo e all’alcol, l’utilizzo di sostanze stupefacenti, l’abuso di farmaci e una dieta troppa carica di grassi, zuccheri e sale che affaticano e rallentano il lavoro del fegato.

A queste abitudini voluttuarie si aggiungono poi fattori ambientali, come tossine da produzioni agricole o ritmi lavorativi stressanti. Una sommatoria di eventi, insomma, tutti negativi per il fegato, riassunti nello specchietto sotto riprodotto.

perche-proteggere-il-fegato-cristalfarma

Il benessere del fegato comincia a tavola

Una dieta varia, bilanciata, mediterranea, a base soprattutto di cibi vegetali è la prima buona regola da seguire a tavola. Sono però importanti, oltre alla qualità degli alimenti, anche le quantità: infatti sia gli eccessi sia le privazioni possono danneggiare la funzionalità del fegato.

In particolare vanno moderati i grassi, specie se saturi e idrogenati, gli zuccheri semplici, il sale, gli alcolici e i superalcolici.

Non esiste una dieta benefica in assoluto per il fegato, tuttavia sarebbe scientificamente dimostrato che una dieta ricca di frutta e verdura, anche cruda, può favorirne l’attività, migliorando anche lo smaltimento delle tossine.

Rimedi naturali per il benessere del fegato

Per proteggere il benessere del fegato si può accompagnare una sana alimentazione con un integratore specifico a base di estratti di Carciofo (dall’azione epatoprotettiva e antidispeptica)Tarassaco (coadiuvante nel favorire la produzione di bile)Curcuma (data la sua azione antiossidante e antinfiammatoria) e Rosmarino (che, oltre a favorire la produzione di bile, facilita i processi digestivi).

Tutti questi fitocomplessi, racchiusi in un integratore alimentare come Cinarepa, possono contribuire a mantenere la fisiologica funzionalità epatica in modo del tutto naturale.

L’importanza di mangiare poco e spesso

Non basta scegliere alimenti che fanno bene al fegato, occorre anche essere moderati nelle quantità, mangiando poco e spesso. L’indicazione per aiutare la depurazione del fegato sarebbe di frazionare i pasti, consumando cioè piccole porzioni e spesso, piuttosto che molto cibo e tutto insieme a tavola. Questa strategia favorirebbe il lavoro e la salute dell’intero apparato digestivo, dunque dello stomaco e del pancreas, ma anche del fegato e dell’intestino.

Focus sul carciofo e gli altri cibi green

Nel dettaglio, cosa portare in tavola per favorire la funzionalità epatica? Tra le verdure sicuramente broccoli, cavoli, cavolfiori, lattuga, peperoni verdi, e poi aglio, barbabietole, carote, rucola, spinaci, cicoria, tarassaco e carciofo: quest’ultimo, in particolare, è un alimento dall’azione protettiva nei confronti del fegato. I principi attivi contenuti nelle sue foglie, amarissime, incrementano la produzione di bile che svolge un ruolo importante nella digestione dei grassi ed è anche un veicolo fondamentale per l’eliminazione di scorie, tossine e colesterolo.

Tra la frutta sono da preferire mele, agrumi come pompelmo e limoni, e infine l’avocado, che stimola la produzione di glutatione, un aminoacido con funzione antiossidante, utile per contrastare i danni provocati dai radicali liberi e aiutare il fegato ad eliminare pericolose tossine, tanto che recenti studi dimostrerebbero che un consumo regolare di avocado contribuirebbe a migliorare la salute del fegato.

Fra le spezie, la curcuma è quella che meglio di altre contribuisce alla depurazione del fegato. E’ consigliato aggiungerla alla preparazione di piatti a base di verdure e legumi.

Riguardo ai condimenti, l’olio extravergine di oliva ma anche l’olio di semi di canapa o di lino, quelli cioè spremuti a freddo, sono i preferiti dal fegato.

Infine, un po’ di caffeina ci può stare, ma senza eccedere per non indurre l’effetto infiammante, limitandosi cioè a tre tazzine di caffè al giorno.

Evviva il movimento

Combattere la sedentarietà, con del sano esercizio fisico regolare e quotidiano, è un toccasana anche per il fegato. Infatti il mantenimento del peso forma e il controllo dei grassi nel sangue che vengono smaltiti anche con l’esercizio fisico, impedisce il loro accumulo nel fegato con moltissimi benefici per la salute dell’organo.

E’ dunque raccomandata attività fisica dai 30 ai 60 minuti giornalieri, come una passeggiata a piedi o in bicicletta, e due o tre volte a settimana un’attività di intensità un po’ più elevata, come ad esempio la corsa e il nuoto.

Scopri un prodotto utile per la DEPURAZIONE DEL FEGATO

cinarepa

DEPURAZIONE DEL FEGATO

cinarepa® è un integratore alimentare a base di Carciofo (estratto di carciofo, ad elevato contenuto in acidi caffeilchinici) e di tarassaco e rosmarino. Si tratta di fitocomplessi che, da sempre, vengono utilizzati per la loro azione bilio-digestiva, antiossidante e depurativa del fegato.
In maniera naturale i componenti di cinarepa® possono essere utili nel mantenere la fisiologica funzionalità epatica.