Viaggio in Pakistan all’insegna della depurazione e del benessere del fegato, grazie a una spezia tipica del luogo: la Curcuma.

Settembre: ultimi scampoli d’estate per Zenzero e Valeriana che hanno scelto un viaggio alternativo per staccare dalla routine e ricaricarsi di energia positiva prima di ributtarsi in un tourbillon lavorativo che, al loro ritorno, si prospetta particolarmente frenetico.

Ed eccoli a bordo di un fuoristrada 4×4 che si muove a scossoni sul sentiero in terra battuta, inerpicandosi sulle montagne che circondano il lago di Saif ul_Muluk, in Pakistan.

Zenzero e Valeriana sono seduti sul sedile posteriore, insieme a una coppia di tedeschi conosciuti da poche ore: si sono incontrati perché soggiornano nello stesso hotel di Naran, un villaggio pakistano conosciuto per essere una perla nascosta tra i monti. Cosa che, in effetti, corrisponde a verità, anche se le orde di turisti che ogni anno invadono il paesino lo fanno assomigliare a una specie di bazar commerciale.

Per fortuna in questa stagione i visitatori sono diminuiti” – sospira Valeriana, felice.

Già!” – commenta Zenzero. “Altrimenti sarebbe stato impossibile trovare una macchina per andare a vedere il lago!

Finalmente l’auto si ferma, il paesaggio che si apre davanti agli occhi di Zenzero e Valeriana è a dir poco mozzafiato. Il lago Saif_ul_Muluk, con il suo colore verde acqua, trasmette un senso di purezza e forza insieme.

Sulle sue sponde, Zenzero, Valeriana e i loro compagni di avventura aprono i tavolini pieghevoli e allestiscono un gustoso pic-nic, a base di prodotti locali acquistati al mercato il giorno prima: il piatto forte è riso speziato con pesce lacustre.

E ora, una bella cavalcata per esplorare questa bellezza della natura!” – esclama Zenzero.

Da qui si può infatti prendere un cavallo per muoversi agevolmente sui pendii circostanti, tra prati verdi, sprazzi di neve sulle cime più alte e fiumiciattoli che scendono dal ghiacciaio che li sovrasta.

È davvero meraviglioso!” – sorride Valeriana, mentre il sole scende all’orizzonte, colorando d’oro l’aria circostante e confondendosi con le acque del lago.

Il momento giusto per una pausa depurativa!” – commenta, accanto a lei, Amadeus, il turista tedesco.

Ecco!” – risponde Angela, la sua compagna, estraendo dalla borsa un sacchetto.

Di cosa si tratta?” – domanda Zenzero, conducendo il cavallo al loro fianco.

Di Curcuma, coltivata nei pressi del villaggio!” – risponde Angela.

E Amadeus prosegue: “Questa spezia dal colore caldo e dal sapore leggermente pungente, che proviene proprio da queste zone dell’India e del Pakistan, fa bene al fegato: aiuta a proteggerne la funzionalità.”

Amadeus è un nutrizionista, e le sue informazioni potrebbero essere preziose soprattutto per Zenzero, non solo perché il suo apparato digerente non è esattamente il suo punto forte, ma perché da sempre è un amante della cucina e davanti al buon cibo e al buon vino non si tira certo indietro. Insomma, non si fa mancare nulla. Per questo Zenzero vuole saperne di più.

Quando il fegato è affaticato” – continua Amadeus – “finisce per risentirne l’intero organismo. Perché questo organo contribuisce ad eliminare le scorie e le tossine, oltre a mantenere sotto controllo il colesterolo, migliorare il metabolismo degli alimenti e facilitare la digestione dei pasti particolarmente abbondanti. Per quanto riguarda l’alimentazione, i suoi principali nemici sono l’alcol e i grassi, come quelli delle fritture ad esempio.

Ecco, appunto: alcol e alimentazione sregolata. Due elementi che fanno spesso capolino nella vita di Zenzero.

Inserire la Curcuma nell’alimentazione quotidiana non è difficile” –  conclude il tedesco. “Si può aggiungere a molte ricette a base di verdure e carne come il pollo, meglio se associata a una spolverata di pepe nero, ma anche con i frullati e lo yogurt. Noi a casa la usiamo anche per insaporire e rendere più colorate le uova strapazzate, le frittate e le insalate.”

Terminata la gita a cavallo, il gruppo si dirige nuovamente alla macchina, che li riporterà a Naran.

Il mercato è ancora aperto, con le sue bancarelle multicolori, le grida dei venditori e gli odori delle spezie.

Che ne dici di fare un salto a comprare della Curcuma?” – propone Valeriana. “Non mi dispiacerebbe prenderne un po’ da portare a casa. Potrebbe aiutarci a ripulirci dagli stravizi e rimetterci in sesto per affrontare il nuovo anno lavorativo.

D’accordo!” – annuisce Zenzero. “Un po’ di pulizia fa sempre bene. Ho proprio voglia di disintossicarmi e ripartire da qui, dai buoni consigli del nostro nuovo amico Amadeus, per un autunno all’insegna del benessere!

Amica del fegato e dell’apparato digerente: è la Curcuma

I benefici della Curcuma, un antiossidante naturale che favorisce la purificazione dell’organismo, aiutando il buon funzionamento del fegato e del sistema digerente.

Il suo sapore è un misto tra l’amaro e il piccante, mentre il colore è un bel giallo oro, molto brillante, un po’ come il Curry o lo Zafferano: ecco la Curcuma, spezia virtuosa originaria dell’Asia, tra le più studiate e oggetto di interesse della comunità scientifica internazionale.

La Curcuma, grazie al suo il principale componente biologicamente attivo che è la curcumina, apporta notevoli benefici all’organismo e ha un’azione particolarmente evidente sugli organi dell’apparato digerente (stomaco, fegato e intestino), di cui contribuisce a promuovere la funzionalità.

Grazie alle sue proprietà antiossidanti contrasta la produzione di radicali liberi, rallenta l’invecchiamento naturale delle cellule e aiuta a proteggere il fegato, migliorandone la funzione depurativa naturale, mentre grazie a quelle antinfiammatorie partecipa alla riduzione dell’infiammazione e dei suoi disturbi (dolore, bruciore, gonfiore ecc.).

Esistono specifici integratori come Cinarepa pensati per mantenere la fisiologica funzionalità epatica, che uniscono alla Curcuma (estratto secco titolato in curcumina) altri fitocomplessi che, da sempre, vengono utilizzati per la loro azione bilio-digestiva, antiossidante e depurativa del fegato: tra questi il Carciofo, il Tarassaco e il Rosmarino.

Scopri un prodotto utile per la DEPURAZIONE DEL FEGATO

cinarepa

DEPURAZIONE DEL FEGATO

cinarepa® è un integratore alimentare a base di Carciofo (estratto di carciofo, ad elevato contenuto in acidi caffeilchinici) e di tarassaco e rosmarino. Si tratta di fitocomplessi che, da sempre, vengono utilizzati per la loro azione bilio-digestiva, antiossidante e depurativa del fegato.
In maniera naturale i componenti di cinarepa® possono essere utili nel mantenere la fisiologica funzionalità epatica.